Ultima modifica: 11 dicembre 2017

Dirigente Scolastico

DIRIGENTE SCOLASTICO

Il Dirigente Scolastico:  Prof. Angelo GUELI

Il curriculum del dirigente scolastico è visibile sul sito del MIUR alla pagina: https://oc4jese1ssl.pubblica.istruzione.it/trasparenzaPubb/ricercacv.do

CURRICULUM SIDI

Il Dirigente Scolastico riceve, di norma e su appuntamento, nei seguenti giorni ed orari:

  • Lunedì, dalle ore 11.00 alle ore 12.30
  • Venerdì, dalle ore 11.00 alle ore 12.30.

DIRETTORE dei SERVIZI GENERALI ed AMMINISTRATIVI (DSGA)

Il DsgaAntonella BISCUOLI

  • sovraintende ai servizi Amministrativo-contabili;
  • cura l’organizzazione della Segreteria;
  • redige gli atti di ragioneria ed economato;
  • dirige ed organizza il piano di lavoro a tutto il personale ATA;
  • lavora in stretta collaborazione col Dirigente affinché sia attuabile l’Offerta Formativa dell’Istituto, compatibilmente con le risorse economiche disponibili.

STAFF DI DIRIGENZA

1° COLLABORATORE con funzioni vicarie – Ins.te Gabriella Zambelli

  • sostituisce il dirigente in caso di sua assenza, impedimento  o  su delega;
  • rappresenta il dirigente nei rapporti con il territorio (Enti Locali,  Amministrazione Centrale ecc…);
  • condivide e coordina con il dirigente linee organizzative, educative e didattiche, come declinate nell’Atto di indirizzo, in coerenza con gli obiettivi assegnati dall’Amministrazione Centrale e con il RAV d’istituto;
  • sovraintende alla realizzazione del PTOF;
  • predispone strumenti di gestione e di controllo dei processi;
  • gestisce e media i rapporti tra le diverse componenti scolastiche;
  • firma, su delega, gli atti interni;
  • presiede/verbalizza le sedute degli OO.CC.

2° COLLABORATORE – Ins.te Letteria La Maestra

  • sostituisce il dirigente in caso di sua assenza, impedimento  o  su delega;
  • rappresenta il dirigente nei rapporti con il territorio (Enti Locali,  Amministrazione Centrale ecc…);
  • condivide e coordina con il dirigente linee organizzative, educative e didattiche, come declinate nell’Atto di indirizzo, in coerenza con gli obiettivi assegnati dall’Amministrazione Centrale e con il RAV d’istituto;
  • sovraintende alla realizzazione del PTOF;
  • predispone strumenti di gestione e di controllo dei processi;
  • gestisce e media i rapporti tra le diverse componenti scolastiche;
  • firma, su delega, gli atti interni;
  • presiede/verbalizza le sedute degli OO.CC.

DOCENTI REFERENTE DI PLESSO

SCUOLA DELL’INFANZIA – Ins.te Maria Rosaria Balsamo- Ins. Luisa Ubbiali

SCUOLA PRIMARIA – Ins.te Giusy Milani – Ins.te Michela Bonaiti

SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO – Ins.te Luisa Castelli –  Ins. Chiara Airoldi

  • preposto (facenti  le veci del datore di lavoro sul posto);
  • condivide e coordina con il dirigente linee organizzative, educative e didattiche, come declinate nell’Atto di indirizzo, in coerenza con gli obiettivi assegnati dall’Amministrazione Centrale e con il RAV d’istituto;.
  • sovraintende all’organizzazione generale del plesso;
  • si pone come punto di riferimento per alunni, genitori e colleghi;
  • gestisce e media i rapporti tra le diverse componenti scolastiche, interne ed esterne;
  • gestisce l’orario scolastico nel plesso di competenza e provvedere alle sostituzioni dei colleghi; assenti secondo gli accordi approvati in sede di Collegio docenti;
  • promuove la circolazione della comunicazione istituzionale;
  • sostituisce il dirigente scolastico in caso di sua assenza, impedimento o su delega (es. presidenza OO.CC.);
  • presiede / verbalizza i collegi di sezione.

DOCENTI con FUNZIONE STRUMENTALE

I docenti con l’incarico di Funzione Strumentale (F.S.) si occupano di particolari settori dell’organizzazione scolastica per i quali si rende necessario razionalizzare e ampliare le risorse, monitorare la qualità dei servizi e favorire formazione e innovazione.

I docenti con Funzione Strumentale vengono designati dal Collegio dei docenti in base alle esigenze dell’Istituto, alle loro competenze ed esperienze professionali.

La loro azione è indirizzata su precise aree di intervento, articolate dall’Istituto scolastico a partire dalle indicazioni contenute nelle norme contrattuali, in base alle necessità e secondo quanto stabilito nel Piano dell’Offerta Formativa:

Anno scolastico 2017/2018

Autovalutazione di istituto – Chiara Airoldi

Piano Triennale dell’Offerta Formativa – Gabriella Zambelli

Piano di formazione – Elisabetta Farris

Nuove tecnologie didattiche – Bruno Brolis

Prevenzione del disagio scuola secondaria/istituto – Antonella Esposito

Orientamento – Letteria La Maestra

Prevenzione del disagio scuola dell’infanzia/scuola primaria – Caterina Mezzapelle


Anno scolastico 2016/2017

Funzione strumentale 1 – Autovalutazione di istituto – Chiara Airoldi

Funzione strumentale 2 – Piano Triennale dell’Offerta Formativa – Gabriella Zambelli

Funzione strumentale 3 – Formazione del personale – Elisabetta Farris

Funzione strumentale 4 – Nuove Tecnologie didattiche – Bruno Brolis

Funzione strumentale 5 – Inclusione alunni con BES – Lucia Ubbiali

Funzione strumentale 6 – Disagio scuola secondaria/istituto – Antonella Esposito

Funzione strumentale 7 – Disagio scuola primaria – Caterina Mezzapelle

Funzione strumentale 8 – Continuità – Anna Maria Locatelli

Funzione strumentale 9 – Orientamento – Letteria Lamaestra


Funzioni strumentali 2015/2016

Progetti

  1. Area 1 – AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO 
  2. Area 1 – GESTIONE ED ELABORAZIONE P.T.O.F
  3. Area 2 – NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE
  4. Area 3 – INCLUSIONE ALUNNI/E CON B.E.S.
  5. Area 3 – PREVENZIONE DEL DISAGIO, Scuola Primaria e Secondaria di 1° grado
  6. Area 3 – ORIENTAMENTO, Scuola Secondaria di 1° grado
  7. Area 3 – CONTINUITÀ

Relazioni finali 2015/2016

  1. Area 1 – AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO   DIAGRAMMA
  2. Area 1 – GESTIONE ED ELABORAZIONE P.T.O.F   DIAGRAMMA
  3. Area 2 – NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE   DIAGRAMMA
  4. Area 3 – INCLUSIONE ALUNNI/E CON B.E.S.   DIAGRAMMA
  5. Area 3 – PREVENZIONE DEL DISAGIO, Scuola Secondaria di 1° grado   DIAGRAMMA
  6. Area 3 – ORIENTAMENTO, Scuola Secondaria di 1° grado   DIAGRAMMA
    1. Allegato 1
  7. Area 3 – CONTINUITÀ   DIAGRAMMA